se vuoi scaricare il programma

Partenza da Modena,  piazzale Manzoni,  h. 7,30 , rientro  h 20,30  circa.

Via autostrada A1 raggiungeremo il Parcheggio di Villa Costanza (parcheggio di interscambio accessibile solo dall’autostrada), situato tra i caselli di Firenze Scandicci e Firenze Impruneta. Da qui ci porteremo al vicino capolinea della tramvia T1 Leonardo che, con una corsa di appena 20 minuti, ci scaricherà alla Stazione ferroviaria di Santa Maria Novella, nel cuore del centro storico di Firenze, dove incontreremo la guida che, a piedi, ci accompagnerà all’Opificio delle Pietre Dure .

L’attività operativa e di ricerca dell’Opificio si esplica nel campo del restauro, ivi compreso l’insegnamento, e della manutenzione delle opere  d’arte. Il diploma che rilascia l’OPD è equiparato al diploma di laurea magistrale. L’Opificio è, assieme all’Istituto Centrale per il Restauro e all’Istituto Centrale per la Patologia degli Archivi e del Libro, uno degli Istituti più importanti e rinomati nel campo del restauro,  non solo a livello nazionale, ma anche internazionale. Pranzo libero.

Nel pomeriggio trasferimento a piedi all’ Osservatorio Ximeniano per la visita guidata. L’Osservatorio, fondato dal gesuita trapanese Leonardo Ximenes nel 1756, ancora oggi attivo negli stessi locali ove nacque, all’ultimo piano del Convento dei Padri Scolopi, detto di San Giovannino, si occupa di Meteorologia, Astronomia, Cartografia, Sismologia, Radiotecnica. Un viaggio nel tempo tra Storia, Astronomia, e paesaggi esclusivi.     

Al termine della visita trasferimento a piedi sulle rive dell’Arno, per una escursione fluviale della durata di circa un’ora sui battelli dei “Renaioli”: una occasione per ammirare e vivere Firenze da una prospettiva diversa, avvolti dal silenzio, lontani dalla confusione del traffico e dei turisti. I Renaioli, o Renai, erano quegli operai che, nella prima metà del ‘900, prelevavano sabbia o ghiaia dal fiume adoperando apposite imbarcazioni. L’Associazione dei Renaioli è nata nel 1993 con lo scopo di far rivivere gli antichi barchetti guidati da un’asta che permette loro di spingere la barca in diverse profondità dell’acqua.

Al termine di questa originale e insolita escursione nel fiume torneremo sui nostri passi raggiungendo, presso Santa Maria Novella, il capolinea del tram che ci riporterà a Villa Costanza, dove sarà ad attenderci il pullman per il ritorno a Modena.

Il programma potrebbe subire variazioni per necessità organizzative, senza che però ne vengano intaccati i contenuti.

Partecipanti: minimo 15 massimo 20

Consigliate calzature comode, da camminata.

Quota individuale di partecipazione € 125  da versare entro il 14 aprile salvo esaurimento posti disponibili

La quota comprende: viaggio a/r in pullman GT, ingressi e visite guidate, navigazione sull’Arno. Pranzo libero.

Il pagamento della quota di partecipazione, nei termini sopra indicati, può essere effettuato anche con bonifico bancario:

COORDINATE BANCARIE U.T.E. MODENA

IT 23 U 05387 12900 000000762432

BPER BANCA – SEDE MODENA – VIA SAN CARLO, 8

Saranno rispettate le normative vigenti alla data del viaggio per quanto riguarda le precauzioni sanitarie anti Covid-19 da adottare. Obbligatori, per ora: documento di identità valido, certificazione verde (green pass) rafforzata, mascherina FFP2 o FFP3.