Ciociaria, quell’intreccio tra storia e folklore che non ti aspetti. Un viaggio alla scoperta di un angolo del Lazio lontano dai percorsi turistici più frequentati, terra di antichi popoli (Volsci, Ernici, Sanniti, Etruschi), ricordato soprattutto per avere dato i natali a personaggi famosi : San Tommaso d’Aquino,il “flauto d’oro ”Severino Gazzelloni, gli attori Marcello Mastroianni e Nino Manfredi, il campione mondiale di pugilato Bruno Arcari, Vittorio De Sica, regista del celeberrimo film “ La Ciociara”, tratto dall’omonimo romanzo di Alberto Moravia. Molte le scoperte  archeologiche importanti, come il ritrovamento del fossile umano (cranio) più antico d’Italia ( 800 – 900.000 anni ) e tra i più antichi d’Europa. Ciociaria deve il suo nome alle “ciocie”, tipiche calzature in uso da parte non solo di pastori e agricoltori ma un tempo di tutta la popolazione.

Se vuoi scaricare il programma clicca qui

Abbazia di Montecassino ( Frosinone )                                                                                 da Wikimedia Commons
Accompagnatore Alberto Bertozzi

PROGRAMMA
(modificabile per esigenze organizzative senza pregiudicarne i contenuti):

Mercoledì 12 Aprile

Ritrovo a Modena, ore 06:00, in Piazzale Manzoni , sistemazione in pullman e partenza per la Ciociaria. Sosta per il pranzo libero.

Arrivo nel primo pomeriggio, incontro con la guida e inizio visita Abbazia di Montecassino e  Rocca Janula. Fondata nel 529 da San Benedetto da Norcia, quella di Montecassino è una delle più note Abbazie del mondo. Nel corso dei secoli l’Abbazia ha subito un’alterna vicenda di distruzioni, saccheggi, terremoti e successive ricostruzioni. Con i suoi ventimila metri quadrati, situata in cima alla montagna alta 520 metri, rappresenta un punto di riferimento ben preciso della zona, meta ogni giorno di migliaia di pellegrini e visitatori provenienti da tutto il mondo.

Rocca Janula sorse come strumento difensivo di Montecassino e di San Germano, nome con cui per tutto il medioevo, e fino al 1853, era conosciuta la città di Cassino. Sorge su un’altura in gran parte scoscesa, ergendosi con la sua torre e le sue mura, superba e imponente. Alla fine delle visite trasferimento a Véroli (FR) per sistemazione, cena e pernottamento in hotel.

Giovedì 13 Aprile

Prima colazione. Al mattino  partenza per la visita guidata dell’ Abbazia di Casamari.Consacrata nel 1217 è uno dei più importanti monasteri di architettura gotica cistercense. Al suo interno è possibile ammirare il chiostro, l’aula capitolare, il refettorio, la chiesa con il portico e la biblioteca, dove sono custoditi più di 70.000 volumi.

Trasferimento a San Donato Val di Comino, visita guidata con passeggiata fra i vicoli e i caratteristici ‘spuort’ (passaggi coperti) del ‘paese degli scalpellini’, che conserva ancora il suo caratteristico impianto medievale, con la trecentesca cattedrale di San Marcello, il castrum fortificato del XIII secolo e le sue austere porte d’accesso. Tempo a disposizione per il pranzo libero.

Nel pomeriggio, visita guidata delle cascate del Liri.Isola del Liri si divide in due bracci che formano un salto di 30 metri: la Cascata Grande e la Cascata del Valcatoio. Si tratta dunque dell’unico centro storico italiano che presenta una cascata naturale al proprio interno.

Il tour prosegue con la visita guidata dell’Abbazia di San Domenico a Sora, monastero fondato da S. Domenico da Foligno sulle rovine della villa natale di Marco Tullio Cicerone. Nella sua cripta (che è, di fatto, una piccola chiesa semi-interrata) sono conservate le sacre spoglie di San Domenico da Foligno, il santo protettore dai morsi di serpente.

Rientro a Véroli per cena e pernottamento in hotel.

Venerdì 14 Aprile

Prima colazione. Partenza per la visita guidata di Alatri : conosciuta come la “Città dei Ciclopi”, si trova nel cuore della Ciociaria, alle pendici dei Monti Ernici. Grazie all’eccellente stato di conservazione delle Mura Megalitiche dell’Acropoli (detta anche “Civita”), nonché alla convivenza di elementi arcaici e medievali, è considerata una delle città d’arte più belle del Lazio meridionale. Il centro storico della città è dominato dalla cattedrale di San Paolo, in cui è custodito il miracolo dell’ostia incarnata.

Visiteremo anche la Chiesa di San Francesco, dove si trova l’affresco “Cristo nel Labirinto”, di autore ignoto. 

Tempo a disposizione per il pranzo libero. Nel pomeriggio, visita guidata di Ferentino, ricca di testimonianze storiche, culturali e archeologiche. In epoca imperiale, Ferentino fu il centro favorito dalla nobiltà romana attirata dal clima, dalle belle ville, dalle sorgenti di acqua. Si visita il mercato romano coperto, avancorpo dell’Acropoli, Porta Montana, Porta sanguinaria; Cattedrale di SS. Giovanni e Paolo, Chiesa di S. Maria Maggiore. Cena pernottamento in hotel a Véroli.

Sabato 15 Aprile

Prima colazione. Partenza per la visita guidata di Anagni, nota a tutti come “città dei Papi”, in quanto ben quattro vi ebbero i natali. La città viene ricordata nei libri di storia soprattutto per l’oltraggio ivi subito nel 1303 da Bonifacio VIII ad opera di Giacomo (Sciarra) Colonna, in seguito a contrasti tra il Papa stesso e Filippo IV, re di Francia ( Filippo “il bello” ).

In poco spazio sono condensati millenni di storia, finemente e sapientemente conservati e accostati al moderno vivere odierno. Abitata fin dai tempi più remoti, Anagni è stata teatro di episodi fondamentali per l’evoluzione della storia così come noi la conosciamo. Ancora oggi la cittadina mantiene un assetto profondamente medievale e un legame con la religione molto forte, intuibile dalla quantità di luoghi di culto presenti.

Il percorso del Museo della Cattedrale si svolge a ritroso nel tempo e inizia dalla Biblioteca e dalla Sala del Capitolo, prosegue con la Nuova Sagrestia con le opere più recenti quali calici, mitrie vescovili e preziosi reliquiari e si snoda nei locali dell’Antico Tesoro, con la collezione medievale, e nella medievale Cappella del Salvatore, fino ad arrivare ai sotterranei, dove è possibile vedere l’Oratorio di san Thomas Becket, antico mitreo con pitture di fine XII – inizio XIII secolo, e la meravigliosa Cripta di San Magno, che custodisce uno dei cicli pittorici più importanti dell’Occidente Medievale. Il percorso termina con la visita al Lapidario, e la sezione archeologica che raccoglie pezzi di rara bellezza. Tempo a disposizione per il pranzo libero. Al termine, partenza per il rientro a Modena.

Quota di partecipazione in camera doppia:

Minimo 25 partecipanti     €  580

     “        20             “              €  640

     “        15             “              €  750

Pagamenti : Acconto  € 200  entro il 03/02/2023       salvo esaurimento posti disponibili

Saldo                   entro il 07/03/2023

La quota comprende: Pullman GT da Modena a disposizione per l’effettuazione del programma di viaggio – Trattamento di mezza pensione in hotel (cena 3 portate) bevande incluse – Ingressi e guida per le visite in programma  – Radiomicrofoni individuali per tutta la durata del viaggio – Polizza medico, bagaglio e annullamento Optimas Unipol Sai All-Risk.

La quota non comprende: pranzi  – facchinaggi – altri ingressi non previsti – mance, extra personali e tutto quanto non espressamente indicato nella voce “la quota comprende”.

DOCUMENTI NECESSARI:

Carta d’identità valida o passaporto in corso di validità. Al momento della pubblicazione del presente programma non sono necessari altri adempimenti.

SE VUOI SCARICARE SUL TUO PC LA SCHEDA DEL VIAGGIO CLICCA QUI